Posts Tagged ‘ joe lovano ’

Prove tecniche di sopravvivenza

prova prova. cazzo si sente? beh chissenefrega tanto è solo per me che registro. prova check sa sa sa. ok. dunque. penso di essere seduto un marciapiede. credo. non è che ci veda molto bene ché mi sono prosciugato gli occhi a forza di sfregarmeli. sa sa sa fischia? sentirò dopo. dicevo sono seduto su un marciapiede penso. i jeans bagnati sotto il sedere ché piove. la gente cammina ne vedo i piedi le gambe ma loro non vedono me.  hanno scarpe di tutti i colori  e calze a rete o spesse o chiare o scure di cotone a righe e quadretti. non mi vedono. se allungo una mano non tocco nessuno ché si scansano anche se non mi vedono. avrò un campo energetico da far schifo. o forse perché oggi non mi sono lavato i capelli e mi dicono che sembro beethoven. seh, bethoven! prova prova. spero funzioni stò coso perché poi mi dimentico quello che volevo dire. adesso sta passando un bimbo tutto infagottato. la madre lo tiene per la mano. lui guarda avanti mentre lei gli parla. non capisco cosa dice. ecco. dunque. volevo dire che sono alla ricerca di un kit di sopravvivenza per il cuore e la mente ché la mia osteopata ha detto che ci devo stare attento. ma io non so esattamente come fare. quindi lascio qui questo registratore. chi lo trova e conosce anche un kit di sopravvivenza registri pure qui come si fa e lo rimetta giù. passerò a sentire. se non lo sai, beh, passa oltre e non ti curar di me. hola! sa sa sa avrà registrato?

Notturno

Un pensiero è lì. Fisso. Quasi si credesse la stella polare. E forse lo è. Genera note. Sentite e create. Ricreate. S’insinua sotto pelle, si sovrappone all’autunno sostituendone i tremori. Come camminando su un ponte, guardando da un lato e dall’altro, in attesa. Sporgendosi un poco. Una musica intorno. E dentro. Aspetti che ti si prenda la mano. L’allunghi. Ma non c’è nessuno ad afferrarla. Forse stai sognando e non sai se vuoi svegliarti. Fai un giro su te stesso. Sul ponte. Aspetti. Pensi adesso ci sarà, mi metterà le mani sugli occhi e proseguiremo insieme. Ne sei sicuro. Solo, non sai quando. Galleggi. Ti lasci andare. E diventi aria.